S.I.C.E.M. è un’azienda italiana che da oltre trent’anni concentra i propri sforzi nel consolidamento degli edifici monumentali, sui quali interviene con tecniche e metodologie specifiche, appositamente studiate, collaudate e brevettate.

La specializzazione della S.I.C.E.M. riguarda soprattutto le perforazioni. Difatti, dal 1984, S.I.C.E.M. si avvale di una metodologia propria d’intervento, che consente di eseguire perforazioni a secco con il recupero completo ed integrale dei liquidi di raffreddamento.


Questa tecnologia ha consentito di operare anche in
Cappella Sistina per l’esecuzione di perforazioni nell’opera più prestigiosa di Michelangelo Buonarroti, il Giudizio Universale.

Con la nostra tecnica abbiamo eseguito oltre 400 particolari e delicati interventi di consolidamento statico presso numerosi Monasteri, Abbazie, Chiese ed edifici storici di pregio e importanza architettonica e storica situati in ITALIA, CITTA’ DEL VATICANO, SVIZZERA, UNGHERIA, SPAGNA ED ARMENIA, tra cui solo ad esempio:

L’Abbazia di Chiaravalle (MI).

La Cattedrale di Aosta.

L’ex convento di S. Agostino in Bergamo Alta.

L’Abbazia di Novalesa a Torino.

Il Castello di Masino a Caravino (TO).

La Villa Serbelloni a Bellagio (CO).

Il Palazzo municipale di Salò (BS).

– Il Duomo di Pietrasanta (LU).

La Cattedrale di San Lorenzo a Lugano in Svizzera.

La Chiesa di S.Stefano a Marmashen in Armenia.

Il Monastero di Sant Pere de Rodes a Figueras in Spagna.

Le tecniche di consolidamento da noi utilizzate sono:

PERFORAZIONI PER L’INSERIMENTO DI TIRANTI NELLE MURATURE: eseguite con dispersione di liquidi di raffreddamento, oppure a secco, con perforatrici ad avanzamento controllato progettate e brevettate dai tecnici della S.I.C.E.M.;

CONSOLIDAMENTO E SOLLEVAMENTO DI ARCHI E VOLTE: eseguite in completa sicurezza tramite dispositivi di microsollevamento. Consolidamento di superfici intradossali ed estradossali;

CONSOLIDAMENTO STATICO DI STRUTTURE LIGNEE: mediante il restauro ed in alcuni casi mediante la ricostruzione di elementi;

INIEZIONI STRUTTURALI: con apposite macchine a pressione variabile controllata che permettono il completo riempimento di cavità murarie e/o carotaggi.

Il recupero dei beni architettonici esistenti è un campo di grande interesse per la varietà di problematiche e di casi unici che spesso ci si trova ad affrontare, ma proprio per questo necessita di grande esperienza e di una approfondita conoscenza della realtà sulla quale si deve intervenire. Non si tratta infatti di “applicare” soluzioni standardizzate, come avviene nell’ambito delle costruzioni ex-novo, ma di ricercare le origini e le cause dei dissesti attraverso diagnosi approfondite, necessarie per valutare l’effettiva situazione statica della struttura e l’eventuale necessità di un intervento di rinforzo. Solo in questo modo è possibile operare nel rispetto di quanto, fino ad ora, il tempo e gli uomini ci hanno tramandato.

Per questo motivo, le metodologie di intervento utilizzate dalla S.I.C.E.M. nascono dall’osservazione delle antiche tecniche di costruzione, fondate sulle leggi della statica, e si sviluppano con l’aiuto di moderne tecnologie, in continua evoluzione.

Anche per i materiali utilizzati sono validi gli stessi principi, ci si serve di prodotti con caratteristiche il più possibile simili a quelli utilizzati nel passato e che in ogni caso garantiscono la compatibilità con i materiali esistenti.

Per ogni singolo intervento si tratta dunque di studiare la soluzione più idonea per l’esistente, capace di restituire alla struttura la propria funzionalità originaria. Nel caso in cui ciò non sia possibile, ed è comunque necessario intervenire per motivi di sicurezza, è fondamentale che le tecniche utilizzate siano vicine alla tradizione costruttiva, in modo da raggiungere risultati più duraturi e compatibili nel lungo periodo.

Share this:
error: Copyright 2019 @ S.I.C.E.M.
MENU